Alesatura: l’importanza dei fori di precisione nelle macchine industriali

fori metallo 1612792188

Ti capita mai di realizzare un lavoro, uno qualunque, in cui siano previsti dei fori da progetto, e scoprire solo a lavoro finito che i fori stessi non coincidono esattamente con i pezzi che vi andranno alloggiati? Ancora, ti è mai successo di acquistare un utensile come un corrimano e scoprire solo nel momento in cui devi ancorarlo al muro che le viti non si inseriscono perfettamente nei fori di alloggio?

Ecco, con questi due esempi hai compreso perfettamente l’importanza della cosiddetta ‘alesatura’. Immagina tutto questo nel settore industriale dei macchinari più imponenti, e capirai come la differenza tra un lavoro fatto bene ed uno fatto male (e potenzialmente pericoloso) può dipendere da un foro impreciso.

Alesatura: cos’è e a cosa serve

Quando ad una ditta che effettua lavorazioni meccaniche di vario genere arriva un progetto su un particolare tipo di macchinario da realizzare, spesso in questo progetto sono previsti dei fori. Non si tratta di un caso raro, tutt’altro.
Basta che in una certa parte del macchinario debba passare un cavo o debba essere montata una vite, ecco che lì serve un foro.
I fori, lo si può intuire da sé, devono essere posizionati e realizzati davvero al millimetro.

Non si tratta certo (o non solo) di una questione di estetica. Una vite che ‘balli’ o un cavo alloggiato in un foro troppo largo o troppo stretto, possono mettere a rischio la struttura del macchinario. Questa imprecisione, a volte di soli pochi millimetri, può da un lato compromettere il risultato del lavoro, e dall’altro mettere in pericolo anche chi maneggia a macchina.
L’importanza dell’alesatura, che è proprio il procedimento con cui si realizzano i fori seguendo il progetto, è uno dei processi più importanti e dai quali si può riconoscere la competenza di una ditta. La ditta Bosaia, i cui lavori è possibile visionare sul sito omonimo www.bosaia.it è particolarmente esperta in questo.

Alesatura: applicazioni e particolarità

Vediamo subito un paio di esempi. Ad una ditta viene chiesto di di realizzare l’apertura in un pezzo di un macchinario in cui dovrà passare un albero motore. In un secondo caso viene chiesto di realizzare una struttura in cui passino delle parti semoventi, che quindi non dovranno solo passare nel buco, ma anche muoversi avanti e indietro all’interno del foro.

Sono, come dicevamo, casi molto frequenti davanti ai quali si possono trovare le aziende, e la precisione di questi lavori sono fondamentali per il buon funzionamento del macchinario.  Si parla in questo caso di ‘tolleranza’. Con questo termine si intende il rispetto che il foro deve avere riguardo alle misure fornite in fase di progettazione del pezzo stesso.

Da un semplice foro dipende quindi, oltre al buon lavoro svolto che è sempre un foro all’occhiello per una ditta:

  • il funzionamento del macchinari stesso;
  • il risultato finale in termini di efficienza del pezzo;
  • la sicurezza di chi dovrà materialmente operare con quel macchinario.

L’alesatura si effettua con una macchina omonima, appunto la macchina alesatrice. Questo macchinario prevede l’uso di un utensile da taglio che si insinua nel foro praticato e poi, ruotando, lo lavora in modo da farlo diventare esattamente come è stato progettato.

La tolleranza di cui abbiamo parlato prima sta nel tollerare, appunto, uno scarto tra il progetto e il foro (in particolare il suo diametro) se questo non va oltre un centesimo di millimetro. Si tratta di uno scarto infinitesimale, come si vede.
L’ultima parte di questo processo viene detto ‘barenatura’. In realtà non si tratta di una fase aggiuntiva, ma di una fase alternativa, che consiste nel dare al foro, oltre al diametro stabilito, anche una superficie di tipo rugoso.

Come vedi, anche nei più piccoli dettagli sta la professionalità di una ditta specializzata. Anzi, possiamo certamente dire che è proprio dai dettagli che si vede la differenza tra una ditta esperta ed una che non lo è. Quando si parla poi di minuzie come i fori, è importante capire che dalla stabilità dei pezzi che vanno alloggiati nei fori, dipende tutto il lavoro finale.